82 Airborne
Home 
Mi presento 
Regolamento Associazione 
Gallery 
Info Tecniche 
Info Storiche 
Calendario Eventi 
Link 
Contattaci 

L'82nd Airborne Division (82ª Divisione aviotrasportata) dell'esercito degli Stati Uniti fu

costituita il 5 marzo 1917 come 82ª Divisione di fanteria e organizzata il 25 marzo 1917

a Camp Gordon in Georgia. Poiché i membri della divisione provenivano da tutti e 48 gli

Stati che all'epoca formavano l'Unione, l'unità fu soprannominata All American (tutta

americana). Proprio per questo soprannome lo stemma della divisione è formato da due

"A". La divisione ha annoverato tra le sue fila uomini famosi come il sergente Alvin York

ed il generale James M. Gavin.

Prima guerra mondiale

Fra l'aprile ed il luglio del 1918, dopo meno di un anno dalla formazione, la divisione fu

schierata in piccole unità in Francia per combattere la prima guerra mondiale come 82ª

Divisione di fanteria. In quasi cinque mesi di combattimento l'82ª combatté in tre

importanti campagne e contribuì a sconfiggere l'esercito imperiale tedesco. Alvin Cullum

York era un soldato della divisione e fu insignito della Medal of Honor per aver condotto

un attacco ad un nido di mitragliatrice tedesco, durante il quale vennero uccisi 20 soldati

tedeschi e ne furono catturati altri 132.

Alla fine della grande guerra l'82ª fu smobilitata, il 27 maggio 1919 a Camp Upton

presso Yaphank (New York). In seguito fu ricostituita il 24 giugno 1921 nella riserva

come quartier generale e fu organizzata il 23 settembre 1921 a Columbia nella Carolina

del Sud.

Seconda guerra mondiale

Dalla Louisiana all'Italia

L'82ª fu ridisegnata il 13 febbraio 1942 come quartier generale di divisione. Dopo lo

scoppio della seconda guerra mondiale, fu richiamata al servizio attivo il 25 marzo 1942

e riorganizzata a Camp Claiborne in Louisiana sotto il comando del maggior generale

Omar N. Bradley. Durante questo periodo di addestramento, la Divisione annoverò fra

le sue fila tre ufficiali che avrebbero diretto l'esercito degli Stati Uniti durante i due

decenni successivi: Matthew B. Ridgway, James M. Gavin e Maxwell D. Taylor.

img4.gif

Il 15 agosto 1942, l'82ª Divisione di fanteria si trasformò nella prima Divisione

aviotrasportata dell'esercito degli Stati Uniti e fu designata 82ª Divisione aviotrasportata.

Nell'aprile 1943, i paracadutisti dell'82ª furono schierati in Nord Africa sotto il comando

del maggior generale Matthew B. Ridgway per partecipare all'invasione dell'Italia. Le

prime due azioni di combattimento svolte dalla divisione furono le operazioni

aviotrasportate per l'invasione della Sicilia, il 9 luglio, e lo sbarco a Salerno il 13

settembre 1943. L'assalto iniziale alla Sicilia condotto dal 505º Reggimento di fanteria

paracadutista fu il primo aviolancio di combattimento a livello reggimentale condotto

dall'esercito statunitense. Il primo assalto condotto con alianti non si vide fino

all'operazione Detroit come parte dello sbarco in Normandia il 6 giugno 1944. Le truppe

aliantiste, il 319º battaglione artiglieria da campo, il 320º battaglione artiglieria da campo

e il 325º Reggimento fanteria aliantista, parteciparono comunque alla campagna

italiana, ma entrarono in azione sbarcando a Maiori (319º) ed a Salerno (320º e 325º).

Nel gennaio del 1944, il 504º Reggimento di fanteria paracadutista, che fu

temporaneamente distaccato dalla divisione per combattere ad Anzio (operazione

Shingle), adottò il soprannome "Devils in Baggy Pants" ("Diavoli con i pantaloni gonfi")

prendendolo da un'annotazione fatta nel proprio diario da un ufficiale tedesco. Mentre il

504º combatteva, il resto della divisione fu trasferito, nel novembre 1943, dall'Italia al

Regno Unito per prepararsi all'operazione Overlord.

Dalla Normandia alla fine della guerra

Con due azioni di combattimento al suo attivo, l'82ª Divisione Aviotrasportata era

adesso pronta per l'operazione aviotrasportata più ambiziosa della guerra l'operazione

Boston.

In preparazione per l'operazione, la divisione fu riorganizzata. Necessitando più tempo

per la riorganizzazione e per integrare i soldati di rincalzo, il 504º Reggimento di fanteria

paracadutista non fu assegnato alla divisione per l'invasione della Normandia. Due

nuovi reggimenti di fanteria paracadutista, il 507º ed il 508º furono fusi per creare,

insieme al 505º Reggimento di fanteria paracadutista un pugno costituito da tre

reggimenti di fanteria paracadutista. Il 5 giugno e il 6 giugno 1944, questi paracadutisti,

elementi del 319º e del 320º, due battaglioni di artiglieria trasportati su alianti, furono

imbarcati su centinaia di aerei da trasporto e di alianti per cominciare il più grande

assalto aviotrasportato mai visto prima di allora. Il 325º Reggimento di fanteria su alianti

avrebbe seguito il resto della divisione il 7 giugno.

Dopo 33 giorni di duro combattimento ed aver sofferto 5.245 perdite fra uccisi, feriti e

dispersi, la divisione fu ritirata nel Regno Unito. Nel rapporto, redatto dal generale

Ridgway dopo i combattimenti, si può leggere: "...33 giorni di azione senza cambi,

senza rimpiazzi. Ogni missione compiuta. Nessun terreno guadagnato è stato mai

ceduto."

Dopo l'invasione della Normandia, l'82ª divenne parte del nuovo XVIII Corpo

Aviotrasportato, che era costituito appunto dall'82ª e dalle altre 2 divisioni

aviotrasportate statunitensi la 17ª la 101ª. Il generale Ridgway che fu messo al

comando di questo nuovo corpo aviotrasportato, anche se non ricevette la promozione

a tenente generale fino al 1945, raccomandò come suo successore al comando della

divisione il brigadier generale James M. Gavin che divento così il più giovane maggior

generale dalla guerra civile a comandare una divisione dell'esercito degli Stati Uniti.

img5.jpg

Il lancio dell'82ª vicino a Grave nei Paesi Bassi durante l'operazione Market Garden

Il 2 agosto 1944 la divisione divenne parte della 1ª Armata aviotrasportata alleata ed in

settembre cominciò la pianificazione dell'operazione Market-Garden, l'invasione alleata

dei Paesi Bassi. L'operazione avrebbe richiesto l'uso di più di tre divisioni

aviotrasportate che avrebbero dovuto conquistare e tenere, fino al arrivo delle forze di

terra, dei ponti chiave su vari fiumi e canali. Il 504º, ora a pieno organico, fu riassegnato

alla divisione, mentre il 507º fu assegnato alla 17ª Divisione Aviotrasportata. Il 17

settembre l'operazione ebbe inizio e l'82ª condusse il suo terzo lancio in combattimento.

Nonostante i furiosi contrattacchi tedeschi, la divisione portò a termini i propri compiti

conquistando numerosi ponti nell'area fra Grave e Nimega, oltre alle alture di

Groesbeek. Il successo della divisione furono comunque inutili per il pieno successo

dell'operazione, infatti la 1ª Divisione Aviotrasportata Britannica che doveva conquistare

Arnhem ed i relativi ponti sul Basso Reno fu quasi completamente annientata da due

divisioni corazzate tedesche. Dopo un periodo sul fronte vicino ad Arnhem, l'82ª fu

rilevata da truppe canadesi ed è ritirata in Francia.

img5.gif

Truppe del 504º Reggimento di fanteria paracadutista in Belgio

Il 16 dicembre 1944 i tedeschi lanciarono un'offensiva attraverso la foresta delle

Ardenne prendendo completamente di sorprese le forze alleate, due giorni dopo l'inizio

dell'attacco la divisione si unì ai combattimenti stabilendo una linea difensiva a nord del

saliente tedesco. Fu proprio durante questa campagna che il soldato di prima classe

Martin, del 325º Reggimento di fanteria su alianti, rivolgendosi ad un sergente al

comando di un carro armato in ritirata, pronunciò la famosa frase "… mettete il vostro

veicolo dietro di me, siamo l'82ª Divisione aviotrasportata e quei bastardi non andranno

più lontano".

Dopo avere contribuito all'occupazione della Ruhr, la divisione concluse la guerra

occupando Ludwigslust, al di là del fiume Elba, e accettando la resa di oltre 150.000

soldati del 21º Gruppo d'Armata tedesco del tenente generale Kurt von Tippelskirch. In

un'intervista del 1975 con Gavin il generale Omar N. Bradley sostenne che Montgomery

gli avesse detto che l'opposizione tedesca fosse troppo grande per attraversare l'Elba

quindi, quando l'82ª attraversò il fiume, percorse quasi 60 km in un giorno e catturò oltre

100.000 soldati, ci fu grande ilarità al quartier generale 12º gruppo d'armata comandato

appunto da Bradley.

Subito dopa la resa della Germania, nel maggio 1945, l'82ª fu assegnata, come forza di

occupazione, a Berlino fino al dicembre 1945. Proprio durante l'occupazione della città

la divisione si procurò il soprannome "America's Guard of Honor" in seguito alla frase:

"In all my years in the Army and all the honor guards I have ever seen, the 82nd's honor

guard is undoubtedly the best" ("In tutti gli anni che ho trascorso nell'esercito tra tutte le

Guardie d'onore che io abbia mai visto, la guardia d'onore dell'82ª è stata sicuramente

la migliore), pronunciata dal generale Patton dopo essere rimasto impressionato dalla

guardia d'onore della divisione. Era previsto che l'82ª partecipasse all'invasione del

Giappone ma la guerra si concluse prima della sua partenza.

[1][2][3][4][5][>][>>]

[Home][Mi presento][Regolamento Associazione][Gallery][Info Tecniche][Info Storiche][Calendario Eventi][Link][Contattaci]

Copyright(c) 2001 Nome società. Tutti i diritti riservati.